Compassione della Trinità. Compassione della Chiesa

Cop-compassione

José Michel Favi

Il volume parte dalla drammatica domanda posta dal soffrire all'intelligenza umana che cerca il senso e il significato dell'esistenza.

Durante il XX secolo sono state elaborate nuove forme di teodicea: dal Dio non colpevole perchè debole" di H. Jonas, al Dio "tragico" di L. Pareyson, alla preoccupazione del come "dire" Dio di fronte al mistero del male e della sofferenza, fatta propria da A. Plantinga, il contributo proposto dal csiddetto pensiero debole e tragico costituisce un autentico, anche se indiretto, appello al Dio-Trinità. Esso fornisce l'occasione per scandagliare teologicamente la croce del Nazareno, evento della compassione dei Tre, dell'autentico coinvolgimento della Trinità nella storia dell'uomo.
Illuminati dalla narrazione biblica, guidati dal magistero ecclesiale e con l'apporto del dibattito contemporaneo, diventa possibile parlare del Dio che vive, a modo suo, la sofferenza umana, e che fa diventare la propria Chiesa - ripensata alla luce del Vaticano II - una comunità che è sacramento della compassione divina, 'luogo' di solidarietà, di giustizia, di liberazione e di esperienza viva del Dio compassionante, popolo della condivisione del dolore e della vicinanza degli ultimi."