Articoli

Dichiarazione di Varsavia per una Europa senza tabacco

Dichiarazione di Varsavia per un’Europa libera dal tabacco
19 Febbrario 2002
  • Riconoscendo che il tabacco è una sostanza tossica e che dà dipendenza e che l’epidemia da tabacco è una delle più rilevanti sfide per la salute pubblica che la Regione Europea dell’OMS si trova ad affrontare, e che pertanto necessita di una risposta congiunta;
  • Sottolineando che vi sono crescenti lacune nel controllo del tabacco fra Stati Membri in varie parti della Regione Europea;
  • Notando che, nonostante esempi di successi nella Regione, un certo numero di Stati Membri devono ancora stabilire politiche comprensive di controllo del tabacco;
  • Riconoscendo che le generazioni presenti e future meritano aria libera dal fumo e protezione dall’esposizione involontaria al fumo ambientale del tabacco e dall’impatto negativo sanitario, economico e sociale dell’uso del tabacco;
  • Sottolineando che la cessazione del fumo contribuisce sensibilmente alla diminuzione della frequenza del fumo;
  • Costruendo sulla fondamenta della Prima Conferenza Europea sulla Politica sul Tabacco (Madrid, 1988) e i tre consecutivi piani di azione per una Europa libera dal Tabacco che coprono il periodo dal 1987 al 2001;
  • Sstenendo il ruolo centrale dei Governi nel concordare, rivedere e rafforzare i loro piani di azione, mettendo insieme contributi da parte dei governi, organizzazioni non governative e professionisti della salute;
  • Evidenziando la competenza e l’azione di guida dell’ Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) all’interno del sistema delle Nazioni Unite nel campo del controllo del tabacco;
  • Raccomandando il significativo valore del rafforzamento della compartecipazione e solidarietà regionale per una azione efficace contro il consumo di tabacco;

Noi , Ministri e Rappresentanti degli Stati che partecipano alla Conferenza Ministeriale Europea per un’ Europa libera dal Tabacco, siamo seriamente preoccupati a proposito della continua minaccia posta dal fumo alla salute globale. Pertanto noi:

1. ci impegnamo a sviluppare e adottare la strategia Europea per il controllo del Tabacco ( Quarto Piano d’Azione per un’Europa libera dal Tabacco) in accordo coi seguenti pricipi guida:

  • il controllo del tabacco è in cima alle priorità di salute pubblica
  • combattere l’epidemia di tabacco è di grande importanza per proteggere la salute degli individui, in particolare bambini e giovani, che dovrebbero essere adeguatamente informati sugli effetti di induzione di dipendenza e letali del consumo di tabacco e sulle tecniche di reclutamento dell’ industria del tabacco;
  • politiche comprensive con impatto misurabile sulla riduzione dell’uso del tabacco dovrebbero essere efficacemente implementate in tutta la Regione. I componenti più importanti di una tale politica comprensiva sono: alte tasse, divieto della pubblicità, delle sponsorizzazioni e della promozione del tabacco, protezione dell’esposizione involontaria al fumo ambientale del tabacco nei locali pubblici e nei luoghi di lavoro, accesso a misure per la cessazione e stretto controllo sul contrabbando;
  • la nuova Strategia, basandosi sui risultati dei precedenti Piani di Azione, dovrà porre chiari e specifici traguardi da raggiungere nella Regione per il 2007;
  • l’attenzione dovrà essere centrata come prioritaria sulle tendenze preoccupanti nel consumo del tabacco fra giovani, donne e persone dei gruppi socioeconomici deboli e delle minoranze;
  • la protezione della salute pubblica ha la priorità sulla produzione del tabacco, perciò si devono promuovere alternative percorribili alle attività della produzione del tabacco, oltre che trasferire gradualmente i sussidi alla coltivazione del tabacco ad altre attività;
  • le politiche sul tabacco dovrebbero comprendere attenzioni e prospettive specifiche per entrambi i sessi in tutti gli aspetti del controllo del tabacco;

2. dichiariamo il nostro forte sostegno alla preparazione di una una Convenzione Quadro dell’OMS per il Controllo del Tabacco (CQCT) e sollecitiamo tutti gli Stati Membri della Regione Europea e la Commissione Europea a:

  • porre in luce la priorità della protezione della salute pubblica e contribuire attivamente allo sviluppo, adozione e implementazione di una forte e efficace CQCT;
  • lavorare su un insieme di misure di controllo integrate del tabacco e su risposte concordate internazionalmente contro l’epidemia da tabacco;

3. spingono gli Stati Membri e le organizzazioni intergoverative a rafforzare la collaborazione e solidarietà Europea nel controllo del tabacco:

  • creando un adeguato meccanismo intergovernativo per lo scambio regolare di informazioni nei campi tecnico, scientifico e legale del controllo del tabacco;
  • colmando le lacune nelle politiche di controllo del tabacco fra differenti parti dell’Europa usando l’esperienza di programmi di successo;
    facilitando l’assistenza nello sviluppo di politiche nazionali di controllo del tabacco in Paesi in particolari circostanze, quali gli Stati Membri in transizione economica;
  • rafforzando il ruolo delle controparti nazionali per la Strategie Europea di Controllo del Tabacco come importante rete per efficaci politiche di controllo del tabacco nella Regione;
  • facendo sforzi per coinvolgere tutti i segmenti della società nel combattere il consumo di tabacco;

4. chiedono al Direttore Regionale per l’Europa di:

  • dare una elevata priorità al fornire guida e sostegno agli Stati Membri nelle loro attività per sviluppare e implementare politiche comprensive di controllo del tabacco;
  • continuare a sviluppare la Strategia Europea per il Controllo del Tabacco, per decisione del Comitato Regionale per l’Europa dell’OMS nel 2002;
  • assistere gli Stati Membri nella parte orientale della Regione, alla luce della particolare gravità del problema, nell’ottenere sostegno da agenzie per lo sviluppo e donatrici per sviluppare e implementare politiche sul controllo del Tabacco;
  • facilitare la collaborazione fra Stati Membri e importanti organizzazioni intergovernative e non governative per azioni coordinate contro l’epidemia da tabacco nella Regione Europea;
  • stabilire e rafforzare sistemi per la sorveglianza standardizzata delle modalità, dei determinati e delle coseguenze dell’uso del tabacco, e mobilizzare risorse finanziarie ed operative a tal fine, specialmente nei Paesi in transizione economica.

Marc Danzon, M.D. Professor Mariusz Lapinski
Direttore Regionale per L’Europa Ministero della Sanità
Organizzazione Mondiale della Sanità Repubblica di Polonia

Segui Camillianum su: