IN MEMORIA DI CHARLIE GARD

CharlieCharlie non doveva diventare un caso giuridico, ma rimanere un bimbo fragile e prezioso da custodire, con il diritto di essere accompagnato alla morte, se ineluttabile, con il coinvolgimento dei suoi genitori che andavano sostenuti nella loro tragica vicenda ... Forse è mancata la dimensione profonda della relazione medico-paziente-famiglia.

Leggi tutto il comunicato