Centro di Ricerca in Etica della vita e della salute (CREVS)

5 Novembre 2016 - Convegno: Dolore, depressione, deficit cognitivo: la gestione dell'anziano fragile

14 Ottobre 2016 - Roma, Città della Pace. Focolai di crisi, migrazione e cooperazione nell'area del Mediterraneo

11 Ottobre 2016 - Seminario di studio: La Resilienza all'Alzheimer

1-12-24 Ottobre 2016 - Corso ECM: La cura e le cure della longevità

11-15 Aprile 2016 - Seminari: Etica della vita e della salute: questioni di etica, questioni di senso

13 Ottobre 2015 - Convegno: Dichiarazione Universale sulla Bioetica e i Diritti Umani dell'UNESCO (19 ottobre 2005)

Giugno e Luglio 2015 - Corso ECM: LA CURA DELLA NON AUTOSUFFICIENZA

Maggio 2015 - Convegno: FRATELLI PER CASO libertà riproduttiva e diritti dei figli

Aprile 2013 - Congresso: SALUTE E CITTADINANZA BIOLOGICA

 

Presentazione del Centro

Il Centro si propone di riflettere sull’Etica della vita e della salute intesa non solo come etica della biologia ed etica medica, ma come disciplina che ragiona sul fenomeno della vita e sulle condizioni e gli atti che permettono di preservarla nel suo senso e nel suo valore.

Facendo proprie le risorse concettuali dell’antropologia filosofica ebraico-cristiana, afferma una visione unitaria dell’uomo e al tempo stesso la sua complessità. All’interno di questa visione si apprezza la capacità dell’uomo di trasformare la natura e lo sforzo di auto-trascendimento rispetto alla propria condizione attuale, ma si sottolinea anche la consapevolezza dei limiti costitutivi di questa impresa.

L’unità di studio ha il duplice obiettivo di delineare i percorsi in una prospettiva antropologica, filosofica e teologica:

  1. Per affrontare le questioni di etica della vita e della salute nell’attuale società caratterizzata dal pluralismo etico e culturale, dall’instabilità socio-economica e politica, da nuovi scenari scientifico-tecnologici, da emergenze ecologiche, e dalla globalizzazione. È un quadro molto complesso che non riconosce più punti di riferimento stabili e che è ulteriormente complicato dall’erosione dei legami sociali.

  2. Per sviluppare strumenti utili per il dialogo interdisciplinare fra discipline scientifiche, tecnologiche, umanistiche e teologiche al fine di promuovere il dialogo interculturale fra diverse ontologie e visioni del mondo, in modo da poter giungere a possibili soluzioni condivise circa i problemi bioetici.

Quotidianamente, infatti, vengono proposte pratiche scientifico-mediche nelle quali le capacità umane mentali e fisiche non vengono più ritenute un dato e sta diventando sempre più difficile pensare che esista una linea di demarcazione tra interventi focalizzati sulla suscettibilità alle malattia e interventi volti al potenziamento delle capacità. Questo implica non solo che si pensi al corpo umano come ad un oggetto, ma che si apra progressivamente la vitalità alla manipolazione.

La nostra vita biologica è entrata nel dominio della decisione e della scelta e per questo s’impone la riflessione bioetica attenta alla dignità dell’uomo, il cui libero arbitrio e responsabilità sono messi a rischio da certe interpretazioni e usi della genetica e delle neuroscienze.

Le finalità del Centro sono le seguenti:

  • Promuovere la cultura cristiana della vita e della salute
  • Attività didattica nel campo dell’Etica della Vita e della Salute
  • Partecipare alle attività di educazione permanente svolte a favore del personale socio-sanitario
  • Promuovere scambi scientifici e culturali con analoghi centri ed istituzioni
  • Favorire la conoscenza e lo studio di teorie filosofiche e scientifiche e di applicazioni tecnologiche innovative, e compatibili con i principi di una etica cristiana della vita e della salute
  • Promuovere ricerche sui problemi etici della genetica, delle neuroscienze, della medicina e delle loro applicazioni in campo assistenziale e sociale
  • Elaborare pareri su questioni bioetiche di attualità

Responsabile di Coordinamento del Centro
Prof.ssa Palma Sgreccia

Segui Camillianum su: